Avventure in canoa in Lituania
Oltre 3.000 laghi e tantissimi fiumi e ruscelli (lunghi nel complesso quanto la metà della circonferenza terrestre): l’acqua è una grande protagonista in Lituania, dove gli appassionati di canoa e kayak troveranno pane per i loro denti.
Una rilassante escursione in canoa lungo i fiumi e nei laghi della Lituania permette di immergersi nella natura, ammirando lentamente la ricca vegetazione, la fauna che popola i corsi d’acqua, i panorami costellati di casette tradizionali, i mulini, le scogliere e le spiagge di sabbia sottile.
I tour in kayak, invece, sono adatti ai più avventurosi che potranno divertirsi nei torrenti lasciandosi trasportare dalla corrente tra rapide e cascate.

Il fiume Ūla
Il fiume Ūla, con le sue rapide e le curve, è adatto per chi ha esperienza sul kayak e desidera mettersi alla prova in un percorso sorprendente circondato da colline ricoperte di foreste di conifere. In alcuni punti è addirittura necessario portare a mano le imbarcazioni per superare gli ostacoli e spesso il percorso mette a dura prova l’abilità dei canoisti più bravi con radici imponenti, dighe di castori e canneti.
 
 
 
.
 
Il fiume Širvinta
 
Con le sue discese, montagnole e viste suggestive il Širvinta è senza dubbio uno dei fiumi più belli della Lituania. In primavera, quando le sue acque sono abbondanti e le correnti impetuose, è frequentato dagli amanti del kayak più estremo che si divertono tra le rapide evitando i massi giganteschi che lo bordano.
 
l fiume Dubysa
Il fiume Dubysa è perfetto per una tranquilla gita in canoa, lasciandosi trasportare lungo il suo corso e ammirando il paesaggio circostante, tra campi e dolci colline.
 
Il fiume Neris
Il Neris, il fiume che attraversa Vilnius, è il secondo più grande del Paese: seguendo il suo corso in canoa è possibile scoprire un itinerario ricco di storia e cultura, fino a giungere nel cuore della capitale.
 
Il fiume Merkys
Le acque calme del Merkys sono perfette per un’escursione in compagnia di tutta la famiglia, villaggi tradizionali e la campagna lituana.
 
-2°