UN PAESE DECORATO DA TORRI E CAMPANILI
Torri dai vari colori ornano i paesaggi della Lituania. Nelle grandi città come nei piccoli villaggi di campagna il panorama è contraddistinto da stupende chiese e cattedrali che attraggono fedeli ma anche turisti che ne ammirano l’architettura, le splendide decorazioni e le opere d’arte.
 
Le chiese testimonianza della storia della Lituania
Le chiese sono una testimonianza tangibile della storia della Lituania e riflettono i cambiamenti delle varie epoche con i loro stili architettonici e le opere d’arte in esse conservate. Spesso le chiese venivano costruite o utilizzate come mura difensive e la loro storia è contrassegnata da distruzioni e guerre.
Le prime chiese apparvero nel Paese prima dell’introduzione del Cristianesimo, costruite da mercanti e artigiani provenienti da paesi cattolici.
Dal 1387, il numero delle chiese crebbe notevolmente e a metà del Ventesimo secolo se ne contavano circa 885 tra chiese e cappelle.
 
Chiese di ogni tipo
La Lituania è ricca di luoghi culto, molto diversi uno dall’altro. Le grandi chiese situate nel centro delle città sono le più visitate dai turisti, ma anche nei piccoli villaggi di campagna si possono ammirare piccole chiese e cappelle di straordinaria bellezza. In Lituania sono presenti anche numerose chiese dall’architettura moderna, che spesso non lasciano affatto trasparire la loro funzione sacra.
 
 
Le chiese più famose della Lituania
La prima chiesa in Lituania fu costruita dal Gran Duca Mindaugas nel 13° secolo. Si tratta dell’antica cattedrale di Vilnius, più volte distrutta e ricostruita nel corso della storia.
La più vecchia chiesa in pietra oggi esistente, la Chiesa di San Nicola, costruita tra il 14° e il 15° secolo, riunisce caratteristiche appartenenti sia allo stile Gotico sia al Romanico. Da non perdere inoltre Sant’Anna, capolavoro dello stile Gotico in Lituania, e la Cappella della Porta dell’Aurora con l’icona della Santa Vergine, tra i luoghi più visitati dai pellegrini.
Un lavoro di grandissimo pregio è poi la cattedrale dei Santi Pietro e Paolo, in stile Barocco.
La chiesa in legno più antica del Paese è invece quella di Palūšė, nel distretto di Ignalina, splendido esempio di architettura povera e solenne al tempo stesso.
 
La chiesa di Trakai
Nel passato le chiese svolgevano una doppia funzione: da un lato luoghi di culto, dall’altro edifici difensivi. E’ il caso della Chiesa gotica dell’apparizione della Vergine Maria, parte del complesso difensivo di Trakai. Costruita tra le colline, il tempio cristiano era la posta di accesso al castello peninsulare della cittadina e suo centro spirituale. La chiesa di grandi dimensioni non venne mai chiusa, una particolarità rara nella storia delle chiese lituane. Oggi la chiesa è uno splendido esempio della fede e del coraggio del popolo lituano.
 
Šiluva, luogo di pellegrinaggio
La cittadina di Šiluva, nel distretto di Raseiniai, è uno dei più importanti centri di pellegrinaggio della Lituania dove da oltre 500 anni si celebra la nascita della Vergine Maria. Questo luogo di culto è visitato ogni anno da migliaia di pellegrini e vi passò durante il suo viaggio in Lituania il Papa Giovanni Paolo II. Il valore spirituale di questo luogo è arricchito dalla bellezza del paesaggio, con colline, pini e una vista che rasserena e dona pace agli animi.
 
-2°