MUSICA E TEATRO IN LITUANIA
 
Gli artisti, musicisti e registi teatrali lituani sono grandi personalità che propongono opere, performance e progetti di grande valore. Un viaggio in Lituania non può non comprendere una tappa che permetta di scoprirne la ricca tradizione teatrale.

Il teatro
Il teatro è uno degli aspetti più importanti della cultura lituana. Il paese ospita più di 20 teatri molti dei quali di arte drammatica, anche se la danza, gli spettacoli di marionette e gli show musicali sono molto diffusi. Molte compagnie lituane fanno tour nazionali e all’estero e sono conosciute in tutto il mondo.
 
I registi lituani
I registi lituani hanno curato spettacoli in Italia, nell’Europa del Nord, in Russia e nei festival di Avignone e Edimburgo. Tra i nomi più importanti spiccano Eimuntas Nekrošius, da anni ritenuto uno dei migliori registi di teatro di tutta l’Europa,  Oskaras Koršunovas, che è stato premiato a tutti i principali festival, e Rimas Tuminas, i cui capolavori sono stati presentati su palchi di tutta Europa.
 
 
 
 
 
Lituania, una terra di musica
La musica è da sempre parte integrale della vita dei lituani. Le antiche canzoni popolari,  le cosiddette sutartinės, che accompagnavano il lavoro dei contadini nei campi, hanno origini antichissime. Oggi le antiche tradizioni vivono nelle note degli artisti di musica folk che riempiono i festival estivi, come l’International Folklore e lo Unique Song, per i quali accorrono appassionati da tutto il mondo.
Oltre ai festival di musica folkloristica, l’estate lituana è ricca di festiva jazz, blues, rock e musica alternativa.
 
Musicisti e compositori lituani
Il primo interprete a rendere famosa la musica lituana nel mondo fu Mikalojus Konstantinas Čiurlionis. I suoi poemi sinfonici Miške (Nel bosco) e Jūra (Il mare) misero in luce la grande varietà e originalità della sua opera musicale oltre a quella pittorica che influenzò le future generazioni come i pianisti Violeta Urmana, Mūza Rubackytė e Petras Geniušas, il violinista Vilhelmas Čepinskis e il jazzista Petras Vyšniauskas.
 
-6°