Go Vilnius

2 GIORNI A VILNIUS

Programma di due giorni a Vilnius: dopo essere arrivati a Vilnius ed essersi rifocillati con una deliziosa colazione in città, preparate il vostro bagaglio di conoscenze a nuove storie! Perché, dopo aver trascorso due giorni a Vilnius, non solo conoscerete l’affascinante centro storico, incluso nella lista UNESCO, e importanti luoghi religiosi ma visiterete anche i musei più famosi della città e il parco Europa (Europos parkas) tenuto con cura, con sculture che ricordano la storia.

1 GIORNO:

Cattedrale dei Santi Stanislao e Ladislao di Vilnius e campanile (Varpinė)

Questo santuario è il simbolo del battesimo della Lituania. La cattedrale dei Santi Stanislao e Ladislao di Vilnius, costruita proprio nel centro della città, nel luogo di un ex tempio pagano, vicino al castello difensivo della città, è sopravvissuta agli eventi più belli e drammatici della storia di Vilnius e di tutta la Lituania.

A causa di frequenti incendi, guerre e del terreno poco resistente al di sotto delle fondamenta, la Cattedrale di Vilnius è stata più volte ricostruita. L’importanza dell’edificio ha fatto sì che le ricostruzioni fossero guidate dai più famosi architetti e artisti stranieri e locali. L’edificio odierno è in stile neoclassico (architetto LaurynasStuoka-Gucevičius) ma nelle sue mura si trovano tracce di Gotico, Rinascimento e Barocco.

Accanto alla Cattedrale di Vilnius, si trova una torre campanaria alta 57 m: uno dei simboli principali della città.

 Per maggiori informazioni vai qui.

 

Palazzo dei sovrani (Valdovų rūmai)

Si tratta di un edificio storico, residenza dei sovrani della Lituania, che è stato ripristinato solo nel 2013.In questo luogo storico, un tempo, si trovava un insediamento con edifici in legno che nella seconda metà del XIII sec. è stato trasformato in un castello in muratura. Nella prima metà del XIV sec. è diventato l’edificio più importante, nel territorio del Castello inferiore di Vilnius (Vilniaus Žemutinė pilis), circondato da una cinta muraria. Dai primi tempi dei rappresentanti della dinastia dei Gediminaičiai, quasi tutti i sovrani della Lituania hanno risieduto qui.

Originariamente con tratti gotici, la residenza rappresentativa dei Granduchi della Lituania è diventata un magnifico palazzo rinascimentale. A metà del XVII sec. il palazzo è stato danneggiato e, in seguito, completamente distrutto dall’esercito di Mosca.

Oggi, qui si trova uno dei più maestosi edifici ripristinati di Vilnius, nel quale si possono non solo visitare le esposizioni permanenti, che presentano le funzioni di questa residenza storica, ma anche partecipare agli eventi di cultura e arte che si svolgono di frequente.

Per maggiori informazioni vai qui.

 

Giardino dei Bernardini (Bernardinų sodas)

Il Giardino dei Bernardini, precedentemente chiamato parco di Sereikiškės (Sereikiškių parkas), è situato proprio nel centro di Vilnius, tra la torre del Castello di Gediminas (Gedimino pilies bokštas), il Vilnelė e il monastero dei Bernardini (Bernardinų vienuolynas). Uno spazio speciale del parco è un’esposizione botanica, destinata a commemorare uno dei Giardini più grandi dell’Est Europa, che era qui presente: il giardino botanico dell’università di Vilnius (Vilniaus universiteto botanikos sodas). Accanto all’ingresso del parco, dalla via di S.Brunone (Šv. Brunono gatvė), si trova la quercia più antica di Vilnius, la cui età raggiunge addirittura i 400 anni.

Per maggiori informazioni vai qui.

 

Repubblica di Užupis (Užupio Respublika)

Užupis è una repubblica di artisti, a volte paragonata a Montmartre a Parigi o Christiania a Copenaghen. È uno dei quartieri più antichi di Vilnius. Nell’antichità qui si trovavano molti mulini ed era un sobborgo di poveri, dove vivevano per lo più artigiani e allo stesso tempo, non distante, si trovava un quartiere di case chiuse.

Oggi la repubblica di Užupis è uno dei quartieri più prestigiosi di Vilnius. Sebbene si trovi nel cuore della capitale, Užupis è famosa per il proprio inno, la propria costituzione, che si può leggere all’inizio di via Paupio (Paupio gatvė), il proprio presidente e persino il proprio vescovo. Qui si può visitare uno dei più antichi cimiteri, il cimitero dei Bernardini di Vilnius (Vilniaus Bernardinų kapinės), e lo spirito e la pace della città sono protetti da due chiese e da un angelo di bronzo che suona la tromba, proclamando la libertà artistica del quartiere.

Užupis è colma di ristoranti e caffetterie, ognuno dei quali ha la propria storia di vita, per questo dopo l’escursione vi raccomandiamo di rilassarvi e di sedervi per un buon pranzo.

Per maggiori informazioni vai qui.

 

Chiesa di Sant’Anna (Šv. Onos bažnyčia) e complesso dei Bernardini (Bernardinų kompleksas)

La chiesa, rimasta pressoché immutata per cinque secoli, è uno degli edifici e simboli più belli e probabilmente più importanti di Vilnius. È un capolavoro del tardo gotico, circondato da molte leggende misteriose. La più famosa racconta che Napoleone Bonaparte, dopo aver visto la chiesa di Sant’Anna, voleva portarla a Parigi sul palmo della sua mano.

 

Via Literatų (Literatų gatvė)

Literatų gatvė riceve sempre grande interesse dai turisti lituani e stranieri: questo è senza dubbio uno dei luoghi più visitati del centro storico di Vilnius. Si crede che Literatų gatvė abbia preso il nome solo nella prima metà del XIX sec., in onore dello scrittore Adomas Mickevičius, che ha vissuto all’inizio di questa strada. Nel 2008 a un gruppo di artisti è venuta l’idea di rivitalizzare questa strada e di decorarla con opere d’arte legate ai letterati. Qui è stato solennemente inaugurato un muro, sul quale i pittori e gli artisti di altri campi hanno per due anni creato delle targhette di metallo, legno, vetro e altri materiali o altri oggetti di piccola scala, che ancora oggi adornano Literatų gatvė.

Per maggiori informazioni vai qui.

 

Via Pilies (Pilies gatvė)

È la via più antica e decorata del centro storico di Vilnius. La via si è formata laddove la strada conduceva dal castello di Vilnius verso sud, verso la Polonia e la Russia. Questa è la strada principale per il Castello di Gediminas (Gedimino pilis), le cui ramificazioni si sono man mano trasformate in strade laterali.

Via Pilies attira l’attenzione con la sua varietà architettonica: gli edifici residenziali, contrassegnati con i numeri 12 e 14 di Pilies gatvė, sono gotici, la casa al numero 4 di Pilies gatvė è una casa capitolare rinascimentale, il frontone della chiesa di San Giovanni (Šventų Jonų bažnyčia) è barocco.

Per maggiori informazioni vai qui.

 

Palazzo presidenziale (Prezidentūra), Università di Vilnius (Vilniaus Universitetas)

Sapevate che l’Università di Vilnius è una delle più antiche al mondo? Attualmente in essa sono presenti dodici facoltà e studiano circa ventitremila studenti. L’antico palazzo dell’università di Vilnius ospita l’amministrazione dell’università e 3 facoltà: storia, filologia e filosofia. Qui è in funzione anche una biblioteca, dove sono raccolte più di 5 milioni di stampe e di vecchi manoscritti. Tra di essi si trova l’originale di uno dei due esemplari del primo libro lituano conosciuto al mondo: “Il Catechismo” di Martynas Mažvydas.

Per maggiori informazioni vai qui.

Coloro che desiderano dare un’occhiata alle proprietà presidenziali, possono registrarsi gratuitamente per un’escursione nel Palazzo presidenziale della Repubblica di Lituania (Lietuvos Respublikos Prezidentūra). Il palazzo presidenziale è stato costruito in piazza Simonas Daukantas (Simono Daukanto aikštė), che ha ricevuto questo nome in onore di Simonas Daukantas, un alunno dell’università di Vilnius, che ha scritto la prima storia della Lituania in lingua lituana.

Per maggiori informazioni vai qui.

 

Quartiere del vetro (Stiklo kvartalas)

Il quartiere con più di 600 anni, che un tempo occupava gran parte dell’attuale centro storico, era una zona residenziale ebraica e una cittadina di orefici, vetrai, artigiani e finanzieri. Il quartiere del vetro di Vilnius è rinato nell’ottobre 2018 nella zona delle strade di Stiklių (Stiklių gatvė), M. Antokolskio (M. Antokolskio gatvė), Gaono (Gaono gatvė) e Žydų (Žydų gatvė). Lo scopo della comunità del quartiere del vetro è organizzare percorsi culturali, raccontare le storie nascoste di vari luoghi del centro storico di Vilnius, ricreare tradizioni, migliorare le infrastrutture del quartiere, attirare investitori e anche abitanti della città e ospiti per trascorrere culturalmente il tempo libero. Qui attualmente ci sono accoglienti caffetterie con impressionanti interni, boutique esclusive di designer e gioiellerie.

Per maggiori informazioni vai qui.

 

Piazza del Municipio (Rotušė saikštė) e cena in via Vokiečių (Vokiečių gatvė)

Dopo aver visitato il Quartiere del Vetro dovete passare necessariamente ad ammirare anche la Piazza del Municipio, dove vengono organizzate le più importanti fiere, eventi e concerti; dopo essere giunti qui spesso vi troverete in un vortice di avventure. Tra l’altro, gli orsi che venivano portati qui nel Medioevo erano il più grande intrattenimento della piazza ma anche senza di loro non mancheranno i divertimenti. Sul Municipio, cercate S. Cristoforo: lo stemma di Vilnius (Vilniaus herbas). Questa è una delle poche raffigurazioni di S. Cristoforo che potete vedere a Vilnius. Dopo aver completato l’itinerario di questa giornata, potete fermarvi nell’accogliente e vicina Vokiečių gatvė e scegliere il posto per cenare in uno dei tanti ristoranti e caffetterie qui situati.

Per maggiori informazioni vai qui.

2 GIORNO:

Porta dell’Aurora (Aušros Vartai)

Iniziate l’itinerario del secondo giorno con uno dei più importanti monumenti storici, culturali e religiosi di Vilnius, oggetto di turismo secolare e religioso. La Porta dell’Aurora è un monumento storico e architettonico, una porta che oggi ospita la cappella della Madre di Misericordia (Gailestingumo Motinos koplyčia). Quando i popoli circostanti attaccavano le terre lituane, il Granduca di Lituania Alessandro diede a Vilnius il privilegio di costruire delle fortificazioni murarie intorno all’intera città. Si dice che la pietra angolare del muro sia stata posata laddove la strada portava a Medininkai e oltre, attraverso Ašmjany verso Misnk. Dopo la consacrazione della pietra, iniziò la costruzione della porta, in seguito denominata dell’Aurora (Aušros).

Per maggiori informazioni vai qui.

 

Mercato di Halė (Halės turgus)

È non solo il mercato, fino ad oggi in funzione, più antico di Vilnius ma anche uno dei luoghi di shopping più amati dagli abitanti locali. Tutti si affrettano ad andare al mercato di Halė per comprare i prodotti ortofrutticoli coltivati dagli agricoltori lituani, pesce fresco e prodotti di carne e per sedersi la sera con gli amici in accoglienti bar. Come dicono i visitatori, qui ribolle la vita nella quale vengono addirittura dimenticati i social network, si svolgono trattative, non si spengono i sorrisi. Un luogo in cui le persone si incontrano, si salutano e, soprattutto, condividono ciò che hanno di migliore, non importa se questo è l’umore o il cibo. A Halė si possono anche trovare dettagli architettonici storici, per questo qui si può non solo fare acquisti o mangiare, ma anche ammirare, con la coda dell’occhio, l’edificio che esiste già dal 1906.

Per maggiori informazioni vai qui.

 

Museo MO (MO muziejus)

Il Museo MO è uno dei luoghi più recenti di arte e cultura a Vilnius, con un’architettura impressionante e straordinaria, che ha già ottenuto diversi premi. Man mano che le esposizioni cambiano, nel museo si possono vedere mostre di arte moderna, che parlano di temi e problemi diversi e che presentano sempre diversi artisti. Una volta arrivati qui si possono anche guardare film, spesso si svolgono concerti e performance artistiche; per questo quando vi preparate a viaggiare per Vilnius, assicuratevi di scoprire con quale esposizione il Museo Mo sorprende oggi i visitatori.

Per maggiori informazioni vai qui.

 

Museo delle Occupazioni (Okupacijų muziejus)

Il museo delle Occupazioni e della lotta per la libertà (KGB) (Okupacijų ir laisvės kovų (KGB) muziejus) è l’unico museo di questo genere nei Paesi Baltici. È stato fondato nello stesso edificio in cui tra gli anni 1940-1991 erano in funzione le istituzioni di repressione sovietiche (NKVD e NKGB-MGB-KGB).

Al primo piano del museo, nell’ufficio dell’ex vicedirettore della prigione interna dell’MGB (KGB), si possono vedere documenti, fotografie, mappe e altri oggetti che raccontano della sovietizzazione del Paese. L’esposizione dedicata alla guerra dei partigiani, permette di conoscere la struttura territoriale e l’organizzazione militare delle unità dei partigiani, le finalità dei combattenti per la libertà, le attività quotidiane e la vita di tutti i giorni. La lotta dell’NKVD-NKGB contro la resistenza armata è rivelata dall’esposizione “Guerra impari”.

Al secondo piano del museo, i visitatori possono vedere le esposizioni dedicate alla prigionia nei gulag e alle deportazioni degli abitanti della Lituania e alle attività del KGB. Qui i visitatori possono guardare con la coda dell’occhio l’ufficio di ascolto delle conversazioni telefoniche qui riprodotto, nel quale è esposta l’attrezzatura per l’ascolto rimasta, i mobili e alcuni dettagli interni riprodotti.

Per maggiori informazioni vai qui.

 

Viale di Gediminas (Gedimino prospektas)

Gedimino prospektas è l’arteria principale del centro di Vilnius, che inizia dalla Piazza della Cattedrale (Katedros aikštė) e termina presso il Palazzo del Seimas della Repubblica di Lituania (Lietuvos Respublikos Seimo rūmai). Su questa strada la vita pullula in maniera molto attiva: qui si trovano le principali istituzioni statali, vicino ci sono centri culturali e i più famosi teatri, luoghi di intrattenimento e di shopping. Una parte del viale è dedicata di sera e nei fine settimana solo ai pedoni ma qui c’è molto movimento: da entrambi i lati della strada ci sono bar e ristoranti, dove si può non solo cenare in maniera deliziosa ma anche trascorrere piacevolmente il resto della serata.

Per maggiori informazioni vai qui.

DI PIÙ